Posts Tagged ‘governo’

Cambiare un governo non significa cambiare uno Stato

Cambiare un governo non significa cambiare uno Stato: quello italiano rappresenta una macchina dispendiosa e inefficiente, dove la sola buona volontà o la sola competenza non sono sufficienti a sanarne i difetti d’origine. Non lo compresero né Depretis e né Crispi, contribuendo ad estendere dei mali ancora attuali – Di Michele Pinna (Direttore Istituto Bellieni [...]

Continue Reading...

Oltre il mito del potere centralizzato

L’Italia arranca nel darsi un governo, ma nel vecchio continente esiste una delle istituzioni più efficienti del mondo, priva di un governo nei termini in cui viene concepito a Roma: è la Confederazione Svizzera. A Berna non esiste un forte potere centrale ma un Consiglio Federale, espressione delle autonomie e delle diverse forze politiche, dove [...]

Continue Reading...

Governo imbroglia Giunta Pigliaru su La Maddalena

Truffa dello Stato su La Maddalena: “il governo imbroglia la Giunta Pigliaru”. Assegnati soldi già previsti per il rilancio e scaricate sui conti della Regione le strutture dell’ex G8 devastate e abbandonate. L’intervento di Mauro Pili (deputato Unidos). “Una farsa preelettorale con soldi vecchi e impegni campati per aria. Sarebbe bastato leggere i documenti, confrontarli, [...]

Continue Reading...

Sulcis e crisi ALCOA: ne parliamo con Mureddu (CISL) dopo incontro col Governo

Di Adriano Bomboi. Appena un anno fa sono stato ospite di una trasmissione nella radio del Sulcis in cui ci confrontammo con un consigliere regionale di SEL in merito alla crisi dell’ALCOA, multinazionale dell’alluminio. La mia tesi era che la Regione stesse cercando di guadagnare tempo, sfruttando gli operai lungo una vertenza infinita e con [...]

Continue Reading...

Articolo 18: il totem del politicantismo e del sindacalismo italiano

Di Adriano Bomboi. Panem et circenses! In Italia è una costante. Quando la politica non intende trattare i temi concreti, distrae il popolo. Un tempo lo si divertiva, oggi lo si incanala verso dibattiti inutili rispetto alla sostanza dei problemi. Uno di questi dibattiti riguarda il destino dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori, il quale, [...]

Continue Reading...

La Sardegna e il Governo Italiano – Di Paolo Maninchedda (PdS)

Sessantacinque milioni in meno di esordio Il governo Renzi (22 febbraio 2014) e la Giunta Pigliaru (20 marzo 2014) sono quasi coetanei. Il 18 aprile viene varato il decreto sull’Irpef per gli 80 euro: la copertura è assicurata anche con un taglio a Regioni e Comuni che costa alla sola Regione Sardegna 65 milioni di [...]

Continue Reading...

Renzi riforma il Titolo V? Si accrescono i danni del centralismo

Lo scorso 12 marzo il Governo di Matteo Renzi ha presentato una bozza di revisione costituzionale, ed in particolar modo del Titolo V°. Il testo, di 41 pagine, non ci permette in questa sede di offrirne una analisi a tutto tondo, ma possiamo evidenziarne i limiti maggiori che iniziano a contraddistinguere la proposta. E non [...]

Continue Reading...

Odg Pili: PD Sardo vota contro collegio unico UE Sardegna, ecco i nomi

Si è tenuto in Parlamento il voto sull’ordine del giorno per separare il collegio europeo Sardegna-Sicilia, al fine di consentire ai Sardi di ottenere dei propri eletti a Strasburgo. Il testo, seppur tardivo, è stato presentato da Mauro Pili (Unidos), sulla base della peculiarità di minoranza linguistica dei Sardi ed è stato bocciato. Va ricordato [...]

Continue Reading...

Tibor Machan: ‘Come lo Stato dilapida il nostro denaro’

In che modo lo Stato spende i soldi dei contribuenti? La Pubblica Amministrazione è in grado di pianificare l’efficienza di un servizio senza dissipare denaro pubblico? E siamo sicuri che la maggior superpotenza del mondo, gli Stati Uniti, abbiano un modello di gestione delle risorse pubbliche da fare invidia? A dispetto di alcuni luoghi comuni, [...]

Continue Reading...

Austerity? Cameron taglia i privilegi del settore pubblico, Italia no

Mentre il regime iraniano tenta la carta del moderatismo per allentare la sua tensione nello scacchiere internazionale, l’Europa si trova ancora in alto mare nella politica di risanamento dalla crisi. Dopo la Francia, anche il Regno Unito ottiene un severo giudizio dall’analisi del rating da parte di Moody’s. L’indice della tripla A ormai lo possono [...]

Continue Reading...