Archive for the ‘L’OPINIONE’ Category

Un commento al voto italiano, con un occhio alla Sardegna

Com’era prevedibile, con oltre il 26% dei consensi, Giorgia Meloni si appresta a diventare la prima donna premier d’Italia. Un risultato che dovrebbe far riflettere i cosiddetti “progressisti” di sinistra, ma anche i sedicenti moderati di destra. Perché Meloni non è una Nilde Iotti, ma neppure una Thatcher. In altri termini, il nuovo governo italiano [...]

Continue Reading...

Referendum Giustizia del 12 giugno: perché votare SI

Il 12 giugno i cittadini saranno chiamati ad esprimersi su un argomento importantissimo, la Giustizia. L’obiettivo del referendum è quello di promuovere il cambiamento, rendere più veloce, corretta e meno politicizzata l’azione della magistratura, per far si che anch’essa risponda dei propri errori. Non sarà facile centrare questi obiettivi e chiaramente la battaglia per il [...]

Continue Reading...

Quale futuro per la lingua sarda?

La lingua sarda, emarginata dalla politica e dalle istituzioni, vittima del nazionalismo italiano, viene oggi quasi esclusivamente affidata a proposte autoreferenziali che ne squalificano la diffusione e ne vanificano la tutela. La riflessione di Giuseppe Corongiu, scrittore ed ex direttore dell’ufficio linguistico regionale, nonché promotore del CSU, il Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale. È chiaro [...]

Continue Reading...

Comunali 2021: in Sardegna riemerge il moderatismo

Di Adriano Bomboi. La stampa sarda non centra il bersaglio e non riesce a leggere adeguatamente il voto delle elezioni comunali. Benché come nella penisola ci sia un ritorno al bipolarismo, in Sardegna la tendenza appare meno accentuata ed i partiti tradizionali tendono a confondersi dentro le liste civiche, anche ideologicamente trasversali, facendo registrare un [...]

Continue Reading...

Paté de Fois

Lo scrittore nuorese Marcello Fois accompagna il calo di qualità della carta stampata e pubblica un articolo in cui non ne azzecca una. Dapprima confonde il liberale Puigdemont con il leghista Bossi, poi riesce a far di peggio: supporta l’idea, culturalmente dannosa, che la Lombardia debba sussidiare mezza Italia per un tempo indefinito, senza che [...]

Continue Reading...

Le nubi si diradano

Schiaffo al giustizialismo italiano: Puigdemont in Sardegna ritrova la libertà. Qualche considerazione sul caso. Di Adriano Bomboi. In meno di 24 ore il vergognoso atto di fermo a cui è stato sottoposto Puigdemont si è sgonfiato, il che non merita particolari o approfondite argomentazioni di sorta. Lo statista catalano è stato rilasciato perché non esiste [...]

Continue Reading...

Incendi: i botanici sardi contro le soluzioni populiste sull’ambiente

Incendi? Botanici sardi contro gli ambientalisti della domenica: “ripiantare milioni di alberi senza criterio non aiuta l’ambiente né la ricostituzione del patrimonio boschivo, e aumenta i rischi di dissesto idrogeologico, come già avvenuto in passato”. Ecco l’intervento completo della Società Botanica Italiana – Sezione Sardegna: Il vasto e intenso incendio che il 24-26 Luglio 2021 [...]

Continue Reading...

Energia: ecco perché la svolta ‘green’ in Sardegna non ci sarà

Starace (AD Enel) smentisce il ministro Cingolani: “la riconversione a gas delle centrali sarde non si farà”. Mentre Terna punta sul Thyrrenian link con la Sicilia per stabilizzare la rete e affrontare l’abbandono del carbone nel 2025, ma che in tale data non sarà ancora ultimato. Vediamo perché in realtà la svolta “green” dell’isola non [...]

Continue Reading...

Caos Province: l’autonomia violata e la necessità di studiarla

Governo impugna legge per la moltiplicazione delle province sarde. Il motivo? Violato l’art. 43 dello Statuto speciale della nostra autonomia, secondo cui il Consiglio regionale avrebbe dovuto sentire prima il parere dei cittadini tramite un nuovo referendum. Uno dei rari strumenti che ci avvicinano al modello svizzero, al fine di tenere a bada il potere [...]

Continue Reading...

La festa della consunzione

Passata la festa di una Repubblica in declino, si palesa tutta la stanchezza dell’indipendentismo sardo, ormai avvitato nei soliti rituali: c’è la gita fuori porta contro le basi militari, le bandiere rosse e di partito che coprono quella nazionale, l’imprecazione verso i Savoia, la trita citazione di Gramsci, l’ennesima piattaforma di dialogo tra movimenti praticamente [...]

Continue Reading...