Archive for the ‘L’OPINIONE’ Category

Regionali sarde 2024: per chi votare?

Si avvicina la data del 25 febbraio e dunque il momento delle decisioni irrevocabili: per chi votare? Bella domanda in un’isola falcidiata da scarsa istruzione, con una mole soffocante di pensioni, con aziende piccole a bassa produttività, che offrono salari tra i più bassi dell’occidente, a loro volta gravate da un fisco aggressivo, che a [...]

Continue Reading...

Perché ci attende un futuro di rovina

Il recente scontro tra il ministro Salvini e la giudice Apostolico rappresenta l’emblema di un paese in grave sofferenza culturale. Il che esprime la totale mancanza di visione sul modello di economia e di società che si intende portare avanti. Perché? Non si sa cosa sia peggio: se un giudice cosiddetto “imparziale”, che manifesta in [...]

Continue Reading...

L’identità di Sarroch – Dialogo con l’autore Luca Tolu

La scorsa primavera è uscito un libro fondamentale per la comprensione delle dinamiche storiche, politiche ed economiche dell’isola, perché racconta la Sarroch edita e inedita. Una comunità che ospita il petrolchimico Saras, ma anche diverse testimonianze culturali e paesaggistiche. “Storia e Identidadi de Sarroccu. Viaggio nel passato di una comunità campidanese fino allo shock industriale”. [...]

Continue Reading...

Mafia sarda o maldestro nazionalismo sardo?

In pochi hanno commentato gli arresti eccellenti da parte del ROS effettuati in Sardegna per il reato di “associazione mafiosa” e affini. Alcuni continuano a ripetere che nell’isola “la mafia non esiste”, ma vorrei ricordare due fatti. Il primo è che, non troppi anni fa, in diversi comuni sardi iniziarono ad andare a fuoco dei [...]

Continue Reading...

Il Sardistan e la cultura della pecora

La notizia ha del grottesco, ma è tutto vero: Coldiretti e Stato Italiano, con l’avvallo del Kirghizistan, porteranno in Sardegna 100 pastori kirghisi con gli obiettivi di: 1) ripopolare le aree interne dell’isola tramite l’allevamento delle pecore, e dunque 2) “salvaguardare le nostre tradizioni”. Avete capito bene, nella terra della dispersione scolastica record e di [...]

Continue Reading...

Perché l’indipendentismo sardo non cresce?

Perché l’indipendentismo sardo non cresce? Perché, parafrasando il politologo Vittorio Emanuele Parsi mentre si riferisce a ben altra tragedia di attualità, sia il nostro indipendentismo extraconsiliare, sia il sardismo di governo, non esprimono un’alternativa “seducente”. La “vision” è completamente assente. Ma cosa significa esattamente? L’indipendentismo sardo non offre alla platea elettorale un’efficace e attraente narrazione [...]

Continue Reading...

Turismo in Sardegna, i dubbi sul sommerso e sull’extralberghiero

A corredo dell’ottimo intervento di Sandro Usai, sulla quantificazione del turismo “sommerso” nell’isola, integriamo con una nota di Cesare Demurtas al riguardo: Sorprende che i media in generale, per esprimere considerazioni inerenti la valutazione del sommerso ma soprattutto del calo di presenze e arrivi nelle strutture extra e alberghiere, non abbiano tenuto conto di una [...]

Continue Reading...

Sardegna chiama Sardegna: pregi e difetti del programma politico

“Sardegna chiama Sardegna”, l’associazione formata da giovani che intendono promuovere politiche riformistiche per rilanciare l’economia dell’isola, ha presentato un proprio programma, che merita un commento su alcuni specifici passaggi. E in particolare sul tema della riforma dello Statuto regionale. Partiamo dagli elementi positivi. In primis non si può fare a meno di notare due argomenti [...]

Continue Reading...

Salario minimo: discuterne nel paese dell’analfabetismo economico

Il dibattito di questi giorni attorno alla proposta di inserire il salario minimo in Italia presenta tratti surreali. La maggioranza di chi lo sostiene ignora alcuni elementi e limiti basilari su cui riflettere. Quali? Essenzialmente tre: 1) Un salario minimo in questo paese esiste già: sono i contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL). I quali [...]

Continue Reading...

PD sardo si allea coi filorussi di Liberu, prossimo flop della Schlein

Campo largo o campo santo? Mentre gli “indipendentisti” di Liberu emulano la strategia del PSD’AZ, il partito di Fratelli d’Italia scalda i motori per vincere le prossime elezioni regionali. Ma dov’è finito l’indipendentismo sardo? Sotto il quadretto di sua santità Antonello Cabras, per usare un eufemismo Mongiliano, il PD di Elly Schlein si appresta infatti [...]

Continue Reading...