Posts Tagged ‘bomboi’

Walt Disney rileva l’Alcoa?

Di Adriano Bomboi. Walt Disney rileva l’Alcoa? Puntuale, poco prima di ogni Natale e in piena campagna elettorale, la classe politica non perde occasione per visitare cassintegrati e operai vari in crisi, tra cui quelli dell’Alcoa. Da quando la multinazionale USA dell’alluminio ha lasciato la Sardegna, non manca il pellegrinaggio di questo o quel politico [...]

Continue Reading...

Turismo: consumo del suolo o sottosviluppo?

I dati: dal 1985 ad oggi solo l’1% delle coste sarde ha subito trasformazioni, modifiche solo al 27% dei litorali. In ambito ricettivo, la Provincia di Oristano possiede 12.335 posti letto, la sola Maiorca (Baleari), di poco più grande, ne ha 435.707. Perse 3.486 aziende sarde operanti nell’edilizia in meno di dieci anni, pari a [...]

Continue Reading...

Tre ordini di obiezione alla proposta di legge Ciccolini

In tanti abbiamo scherzato sulla proposta di legge per attirare pensionati nell’isola. Ma se ragionassimo seriamente sul tema dovremmo approfondire gli studi in ordine a tre argomenti: quello economico (quali sono i parametri economici e infrastrutturali del nostro territorio, e quelli delle località estere prese ad esempio?); a seguire quello giuridico (l’impianto della proposta è [...]

Continue Reading...

Verso una corrente realista dell’indipendentismo

Che tipo di indipendentismo ci servirebbe? Ad oggi abbiamo un Polo per l’Autodeterminazione, o Chiesa Avventista per la Decrescita, formato da un solo partito, i RossoMori, peraltro vicino a Soru. Poi un Partito dei Sardi dedito all’ordinaria amministrazione della spesa pubblica e non certo alle riforme; infine un sardismo a caccia di sopravvivenza a causa [...]

Continue Reading...

Buone Feste da Sa Natzione

Perché la storia sarda, ancora oggi, viene largamente ignorata? E perché l’Autonomia regionale non è mai stata seriamente applicata? È il momento di ragionare sul suo superamento? E ancora: qual è il ruolo dell’indipendentismo nella società attuale? Di che tipo di riforme istituzionali, culturali ed economiche abbiamo bisogno? Le risposte a queste ed altre domande [...]

Continue Reading...

Turismo: quelle leggi sarde ostili allo sviluppo

Su La Nuova Sardegna in edicola lo scorso 28 novembre (JPG) abbiamo trattato un’anomalia tutta sarda: il maggior centro della Baronia perde giovani anche a causa del Puc e del Ppr. La pianificazione del territorio ha causato gravi squilibri socio-economici, sottraendo numerosi terreni idonei all’imprenditoria turistica, vincolati ad uso agricolo dove vi è scarsa resa [...]

Continue Reading...

La politica non crea il lavoro, crea i debiti

Introduzione di Adriano Bomboi, commento di Franco Meloni (Riformatori Sardi). Emiliano Deiana (PD), presidente dell’ANCI, si unisce alla richiesta della CGIL: “100 milioni per il lavoro”. Per fare cosa? Non lo sanno neanche loro, salvo voler usare i soldi altrui, quelli sottratti dal fisco a imprese e contribuenti in difficoltà, per l’ennesima spesa assistenziale, diserbante [...]

Continue Reading...

Il Banco di Sardegna e l’ingenuità del colbertismo

Di Adriano Bomboi. Soffia il vento del dubbio: il Banco di Sardegna verrà definitivamente fagocitato dagli emiliani del gruppo BPER? Prima di rispondere a questa domanda bisogna rispondere ad altre due fondamentali domande che i nostri politici eviteranno come la peste: 1) perché il Banco di Sardegna si è trovato in questa situazione? 2) Qual [...]

Continue Reading...

I pasticci di Marx secondo Bawerk e Popper

Nel 1896 l’economista Eugen von Bohm-Bawerk demolì la teoria del valore di Marx sostenuta ne “Il capitale”, rilevando i principali disastri scientifici dell’opera. In seguito, Popper demolirà persino i presupposti dogmatici che animavano l’ideologia marxista, che i fatti confermano essere del tutto superata. Vediamo in breve alcuni di questi argomenti per i non esperti – [...]

Continue Reading...

Europa 2017: la Catalogna in carcere per delle idee di libertà

Di Adriano Bomboi. Nell’Europa del 2017 un governo autonomo democraticamente eletto finisce in carcere, e al suo posto ne viene nominato un altro non eletto da nessuno. Il tutto in nome della legalità, “per il bene” di milioni di catalani che vogliono lasciare la Spagna. Come il marito che mena la moglie per impedirgli il [...]

Continue Reading...