Posts Tagged ‘militari’

Centralisti: La parlamentare Caterina Pes (PD) vota a favore dei poligoni militari e poi si lamenta dei boati

Per capire la natura dei danni occorsi alla Sardegna da parte dello Stato servirebbe uno staff di storici, economisti, antropologi, sociologi e persino di psicanalisti. Infatti nel computo delle responsabilità andrebbero vagliati gli atti dei singoli parlamentari Sardi che dal Regno d’Italia ad oggi si sono avvicendati nella tutela degli interessi della Sardegna, e nelle [...]

Continue Reading...

Difesa: Londra invia Ministro in Scozia e rimedia figuraccia. E in Sardegna?

Con la proverbiale tradizione britannica, Londra non si opporrà al referendum sull’indipendenza scozzese, a dimostrazione di una consolidata cultura liberale, ben diversa ad esempio da quella giacobina della Repubblica Italiana, dove ogni forma di secessione o indipendenza è proibita. Tuttavia le istituzioni londinesi contano sul democratico fallimento del referendum e da diversi mesi hanno avviato [...]

Continue Reading...

L’On. Claudia Zuncheddu denuncia le servitù militari: ‘La Sardegna al centro di delicati interessi’

Pubblichiamo il testo dell’interrogazione consiliare effettuata dall’On. Claudia Zuncheddu (Sardigna Libera) sugli interessi orbitanti attorno alle sperimentazioni militari nelle servitù regionali. Gli unici droni di cui avremmo bisogno nell’isola, come in vari Stati civili, sono quelli per il monitoraggio costiero ed in chiave antincendio. Senza spirito antimilitarista affermiamo pertanto di trovare estremamente grave che lo [...]

Continue Reading...

I limiti giuridici, politici ed etici sul caso dei due marò

L’Italia della partitocrazia, l’Italia dell’assistenzialismo, l’Italia delle tasse è la stessa Italia dove senza il federalismo non esiste il concetto del bene pubblico, dove lo status quo serve a tenere in vita un sistema fallimentare e di corruttele, dove lo Stato-nazione, per sua stessa natura, è il nemico delle minoranze e della libera iniziativa, dove [...]

Continue Reading...

In Sardegna esercitazioni militari con i bagnanti: Class action e interrogazioni contro Ministero della Difesa

Sono di una gravità estrema le esercitazioni militari “Amphex 2012” tenute dallo Stato Italiano nella zona sudoccidentale della Sardegna. In particolar modo quelle relative alla giornata del 27 maggio scorso. A fronte delle 20 Regioni Italiane e di una penisola circondata dal mare, il Mar Tirreno e il Mar di Sardegna sono state le uniche [...]

Continue Reading...

Discorso di B. Cumpostu (SNI) al Parlamento Europeo sulle servitù militari – Video

Vi riportiamo l’intervento del leader di Sardigna Natzione Bustianu Cumpostu al Parlamento Europeo sul tema delle servitù militari nell’isola: l’unica Regione dello Stato usata da Roma per quasi l’80% del suo demanio pubblico attraverso installazioni militari – Di Piero Pala, 09-03-12 (Wmv). Redazione SANATZIONE.EU

Continue Reading...

Si alla caserma di Nuoro: I nostri ragazzi tornino a casa, si protesti contro ben altre servitù militari. Con una proposta per Quirra

Non ci sono scuse, la posizione espressa dal Generale in ausiliaria Gianfranco Scalas sul merito della nuova caserma militare di Prato Sardo a Nuoro è pienamente condivisibile. La caserma non dovrebbe neppure essere contrapposta al tema del polo universitario nuorese, che non può essere messo in discussione. Sono necessarie entrambe le strutture. In primo luogo [...]

Continue Reading...

Acqua calda o contenuti? Il ProgReS cambia passo ed assomiglia sempre più agli ideali di U.R.N.

Di Roberto Melis, dip. Ministero della Difesa e co-fondatore di U.R.N. Sardinnya. “La perseveranza serve più della violenza: molte cose che non possono essere superate tutte assieme lo sono se prese poco a poco”. Plutarco (46 – 127 D.C.) Afferma oggi il comunicato del ProgReS dalle parole di Salvatore Acampora, neo-dirigente del movimento: “Fino a [...]

Continue Reading...

Il caso Afghanistan: Tra populismi e disinformazione

Poveri Afghani: 2 volte vittime di affari più grandi di loro… La prima nel momento in cui la macchina da guerriglia religiosa del Talebanismo fu lasciata libera di governare le istituzioni Afghane (1996-2001), la seconda oggi, quando la morale radical-chic (condita da una certa dose di razzismo) porta alle seguenti considerazioni: “La loro cultura è [...]

Continue Reading...